Problema Ambientale

Il problema ambientale al quale Argo cerca di porre rimedio riguarda l’utilizzo di oli minerali sintetici nella fase di pre-trattamento delle trasmissioni e dei motori, in quanto tali lubrificanti presentano un elevato impatto ambientale (consumo di energia, produzione di CO2 ed inquinamento delle acque: un litro di olio è in grado di contaminare un milione di litri di acqua).
Alcuni dati:
- 1156 kg CO2/Mg olio per la produzione di oli lubrificanti sintetici
- 676 kg CO2/Mg olio per la rigenerazione di oli lubrificanti sintetici
- 28 milioni di tonnellate di CO2: produzione di CO2 stimata per il 2010, a fronte di 41,7 milioni di tonnellate di oli lubrificanti sintetici (dati riferiti alla sola Europa)
- +2,3%: incremento annuo stimato nella richiesta di oli lubrificanti
Oltre a ciò l’utilizzo di oli lubrificanti sintetici all’interno delle trasmissioni e dei motori provocano la creazione di microambienti che presentano alta pressione, alte temperature e la contaminazione da parte di detriti metallici; questo richiede l’installazione di sistemi di aspirazione negli impianti di produzione, a causa della volatilità dei lubrificanti minerali.
Queste operazioni determinano circa il 20% delle perdite di lubrificante, che viene disperso nell’ambiente circostante.
Inoltre i lubrificanti sintetici sono solitamente realizzati con sostanze pericolose.